Trofeo Aldinio

Nel novembre del 2011 è stata approvata una ulteriore revisione della circolare ENAC che regolamenta le costruzioni amatoriali, la NAV-15E.

Con la nuova edizione, anche i velivoli storici/orfani (come definiti nell'Annex II EASA), su richiesta del proprietario, possono essere assoggettati allo stesso regime previsto per le costruzioni amatoriali. Successivamente, nell'aprile 2012, il CAP (all'epoca era Federazione CAP) ha rinnovato il contratto in corso con ENAC riguardante la possibilità di sorveglianza delle costruzioni amatoriali, includendo nel nuovo contratto di servizio anche la possibilità di seguire gli aeromobili storici/orfani transitati al regime amatoriale.

Si è così potuto dar corso ad un nuovo settore di attività, già ampiamente sviluppato all'estero, ma assolutamente trascurato in Italia, ovvero quello del mantenimento in esercizio di velivoli che hanno fatto la storia dell'aeronautica italiana e mondiale. Questi velivoli non avrebbero, però, potuto partecipare al Trofeo Rotondi in competizione con gli altri velivoli di costruzione amatoriale, utilizzando gli stessi parametri di valutazione, in quanto ovviamente assolutamente eterogenei.

Si è così pensato di ricordare con affetto una personalità, il prof. ing. Giorgio Aldinio, che, in qualità di Direttore Centrale del RAI ha seguito i costruttori amatori sin dagli albori e li ha ufficialmente presentati al mondo aeronautico italiano promulgando la Circolare RAI-15 (ora ENAC NAV- 5), pilastro fondamentale della costruzione amatoriale in Italia. Nella sua qualità di Dirigente RAI, partecipò anche ai nostri primi raduni alla Caproni di Vizzola Ticino e studiò insieme al prof. Rotondi come permettere anche ai costruttori amatori italiani di poter volare legalmente.

La prima circolare RAI-15 divenne operativa il 9 febbraio 1976, ben tre anni dopo il primo raduno CAP.
Nella foto, il prof. Aldinio esamina in un garage/laboratorio uno dei primi progetti costruttivi, assistito nella valutazione da un giovane ingegnere di nome Rodolfo Galli.

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE
La partecipazione alla gara "Trofeo Aldinio" prevede l'invio del modulo di iscrizione che dovrà pervenire al sodalizio C.A.P., per il tramite di una Associazione affiliata, entro la fine del mese di luglio, per dar modo alla segreteria di preparare adeguatamente le schede di valutazione da consegnare alla Commissione di Valutazione.

Possono partecipare alla gara i soci delle Associazioni affiliate al C.A.P. con velivoli storici/orfani amatoriali e quelli che abbiano conseguito un Permesso di Volo secondo la Circolare NAV-15 (§ 2.4) o che siano nella fase di sviluppo avanzato delle prove di volo per il conseguimento di tale PdV, purché giunti in volo.

Possono partecipare anche i soci che abbiano concorso in precedenti edizioni, ma che abbiano apportato modifiche e migliorie documentabili di una certa rilevanza.

L'ulteriore partecipazione di soci con aeromobili che non abbiano le caratteristiche precedenti è ammessa senza la possibilità di attribuzione del trofeo.

Inoltre sono accettati, con la modalità precedente, tutti gli aeromobili di costruzione amatoriale immatricolati esteri.

Download modulo iscrizione

Il premio sarà assegnato al concorrente che avrà ottenuto il miglior punteggio secondo i criteri previsti nella scheda di valutazione e valutati da apposita commissione con giudizio inappellabile.